1

mongrandi gianni

GHIFFA – 14.09.2019 – Ha chiuso gli occhi stamane

nella sua casa di Ghiffa, vinto da un brutto male che se l’è portato via in poche settimane. Il mondo del giornalismo di Novara e del Vco piange Gianni Mongrandi, cronista di lungo corso che ha spaziato tra la carta stampata, la radio la tv e il web. Originario di Novara, aveva 74 anni e da una dozzina era in pensione. L’ultima esperienza come redattore l’aveva vissuta alla Prealpina, nell’edizione piemontese del quotidiano varesino che aveva accompagnato nel suo sbarco oltreticino. Era stato redattore anche in un’altra storica testata, la Gazzetta del popolo, oltre che al Quotidiano. Ha scritto per Repubblica, il Giornale di Indro Montanelli, il Giorno, Il Sole 24 Ore, La Notte.

La professione giornalistica l’aveva iniziata giovanissimo, negli anni Sessanta, indirizzandosi –tra i primi– al mondo delle radio libere, con Radio Azzurra a Novara. Fu anche pioniere del mondo televisivo locale, assumendo per anni l’incarico di direttore di Tele Alta Italia. E pure del web, che lo vide promotore negli anni ’90 di uno dei primi portali d’informazione on-line del Novarese e che l’ha visto in tempi recenti direttore di siti culturali e giornalistici. Contro la malattia in stato avanzato diagnosticatagli in primavera ha lottato quel che ha potuto, scegliendo di vivere i suoi ultimi giorni a Ghiffa, circondato dagli affetti più cari, a fianco della compagna Antonella, vicino ai figli Sabrina e Alberto, che lo piangono insieme all'ex moglie Maria Rosa. La data dei funerali non è ancora stata fissata.