1

orta isola vista

ORTA SAN GIULIO - 27-01-2021 --“Sarà un momento da vivere con maggior intensità rivolgendo lo sguardo a San Giulio per portare in questo mondo così attonito a causa della pandemia, un momento di silenzio e lasciarsi guidare dal messaggio evangelico della “Buona Novella”. È proprio quello che abbiamo bisogno, una speranza per guardare e trovare, attraverso le nubi minacciose, un raggio di sole, la luce che dà la forza e la fiducia in un futuro migliore.”


Ecco l’augurio che Giorgio Angeleri, sindaco di Orta San Giulio, rivolge agli ortesi e ai cusiani tutti in occasione dell’ormai vicina festa di San Giulio che quest’anno sarà diversa dal solito, con un programma ristretto e una presenza limitata.
In onore di San Giulio, che con il fratello San Giuliano portò il Vangelo nelle terre cusiane, il 31 gennaio di ogni anno, si rinnova sempre un fervido e festoso affetto e in questa occasione tante persone affollano la piazza di Orta per poi dirigersi con le barche all’Isola di San Giulio dove per l’intera giornata è festa vera e sincera di unità e condivisione con tanti  eventi dedicati al Santo.
Così è sempre stato ma quest’anno sarà diverso…


In questo 2021,infatti, a causa della pandemia, sarà una patronale diversa ma assolutamente non persa se vissuta nella sua essenza più profonda; il programma prevede per domenica 31 gennaio alle ore 10,30 nella Basilica dell’Isola di San Giulio la Solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta da Mons. Franco Giulio Brambilla Vescovo di Novara e poi nel pomeriggio, alle ore 15,30, i secondi Vespri Solenni.


Per rispettare le norme di contenimento della pandemia l’accesso alla Basilica sarà regolamentato con 70 posti disponibili, tutti però avranno modo di vivere questo intenso momento di fede in quanto la Santa Messa sarà trasmessa in diretta streaming sul canale della Diocesi di Novara: www.youtube.com/user/passionovara/live


Il tradizionale  “pane di San Giulio” potrà essere acquistato  presso il Monastero.


r.a