1

cota roberto

Aumenta l’inflazione che a giugno è volata all’8%. Si riduce il potere di acquisto delle famiglie. Le bollette sono alle stelle ed il cibo ha toccato prezzi mai visti. Draghi sta cercando di correre ai ripari, ma si misura con un contesto globale che non aiuta di certo. Gli interventi, peraltro, vanno attentamente meditati in quanto, ciascuno, presenta diverse controindicazioni. L’azione più sicura sembra essere quella di intervenire a sostegno dei salari più bassi e di calmierare i prezzi di alcuni beni. Detto questo, lo scenario che si presenta davanti a noi, a fronte di emergenza che si succede ad emergenza, è quello di una politica che non accenna a sboccarsi dopo anni di commissariamento. Che cosa succederà nel 2023? In molti pensano che Draghi rimarrà ancora.

Buona domenica e buona settimana.

Roberto Cota